Il principale strumento terapeutico utilizzato è la psicoterapia, una forma di cura basata sulla parola. E’, attraverso il colloquio con il terapeuta, che la persona viene sollecitata ad individuare ed esprimere le proprie emozioni, sensazioni, sentimenti, stati d'animo legati ai pensieri e ai comportamenti, che caratterizzano l’esperienza di vita attuale. Lo scopo della psicoterapia diviene aiutare il paziente a costruire un'immagine diversa, più ricca di sé, un insieme di costrutti più articolati, più ampio e più fruibile da cui attingere per risolvere i problemi quotidiani. La psicoterapia, si rivolge a persone con disagi psicologici e difficoltà che riguardano le relazioni, a coloro che desiderano aumentare la consapevolezza di sé e delle proprie modalità di rapportarsi alla realtà’. ‘L’ uomo è costruttore della propria realtà. Non è la realtà a causare sofferenza, ma il modo di porsi di fronte ad essa.’ La CBT è:

un lavoro di alleanza tra terapeuta e paziente, questo lavoro è continuamente attivo, perché il paziente ‘lavora’ anche a casa tramite i compiti (homework) che gli vengono assegnati tra una seduta e l’ altra, è centrata sul paziente, insegna al paziente a diventare terapeuta di sé stesso.

La sofferenza ci rende critici verso la vita, gli altri , il mondo. La motivazione a volerne uscire e a stringere quella mano che ci viene tesa è cio’ che determina la via per uscirne. Ho avuto in terapia casi che sembravano ‘disperati’ e sono rimasta io stessa stupita nei confronti di quanto la nostra mente possa essere ricca di risorse se solo noi le attiviamo.

Approccio terapeutico cognitivo-comportamentale (CBT)